Zeno Pagliai

Zeno Pagliai puo' essere definito come pittore "puramente istintivo".
A parte qualche sporadica eccezione le sue opere sono il frutto esclusivo della sua fantasia.
Non dipinge mai dal vero. Non si dedica alla ritrattistica o all'iperrealismo.
Ama molto la natura e preferisce la pittura paesaggistica a tutte le altre espressioni pittoriche.
Anche se i suoi dipinti non sono mai tratti dal vero, essi si ispirano sempre a passati ricordi di


un tempo ormai lontano oppure al riemergere improvviso dal suo inconscio di ricordi di particolari
sogni lucidi rimasti quiescenti nella sua memoria ma che occasionalmente ricompaiono per materializzarsi
in una nuova vita sulla tela.
In passato .- come tanto pittori - per i suoi lavori Zeno ha usato anche i classici colori ad olio,
ma le tecnologie pittoriche oggi offrono soluzioni alternative all’ olio che sono molto vantaggiose per
tutti perché danno al pittore la possibilità di velocizzare di molto il lavoro quasi azzerando i lunghi
tempi di essiccazione prima necessari ai vecchi colori ad olio.
L’ autore è passato con molta soddisfazione al quasi esclusivo uso dei colori Acrilici perchè Il passato
dei colori ad olio -pur essendo stato immensamente glorioso- appartiene appunto: al passato.
Zeno non è un pittore professionista, non vive di pittura, la sua preparazione universitaria non ha nessun
addentellato con l’arte pittorica anche se in certe sue particolari prestazioni professionali l’arte e
l’ estetica sono evocate prepotentemente in causa.
Quando le sue opere pittoriche risultano gradite è molto felice di cedere i suoi sogni materializzati con
tanto amore sulla tela o altrove, a chi li sappia e li voglia apprezzare.
L’ autore consegna ogni suo dipinto allegando ad ogni sua opera il relativo certificato di garanzia firmato auto graficamente che ne attesta l’unicità e l’esclusione dell’uso di qualsiasi tecnologia elettronica o digitale per la sua realizzazione.